Tempo di lettura: 7 Minuti

No, non è il titolo dell’ultimo cinepanettone dei fratelli Vanzina, ma un’idea fantastica per il vostro prossimo viaggio. Se non siete mai stati a New York, il periodo natalizio è sicuramente uno dei più belli per iniziare la scoperta di questa meravigliosa metropoli.

So che vi state già chiedendo quanto costa una vacanza a NY sotto Natale e la risposta è “non poco” (anche se qui trovate molte consigli utili su come risparmiare, validi tutto l’anno). In realtà la città inizia a vestirsi di rosso e oro appena finiti i festeggiamenti di Halloween: archiviate le maschere di mostri e vampiri, le vetrine dei negozi si riempiono di decorazioni scintillanti e tutta la città viene addobbata con lucine e fiocchi vistosi.

Novembre è tra l’altro un mese stupendo per visitare la Grande Mela: il clima è ancora clemente prima del rigido freddo invernale e se avete la fortuna di trovare una giornata di sole, il cielo terso sarà uno sfondo indimenticabile per le vostre fotografie. Inoltre, il fenomeno del foliage a cui si può assistere soprattutto a Central Park, ma anche negli altri parchi minori, contribuirà a dare quel tocco dolce e malinconico alla vostra vacanza.

Il giorno del Ringraziamento e il Black Friday aprono le porte alle festività, ma è con il simbolo indiscusso del Natale newyorkese che la magia ha inizio. Immortalato in decine di film, l’albero di Natale del Rockfeller Center è stato testimone di proposte di matrimonio sotto la neve, protagonista di qualche milione di selfie e guardiano della sottostante pista di pattinaggio.

Ogni anno viene acceso la prima settimana di dicembre, durante un evento che accoglie migliaia di spettatori al quale partecipano anche personaggi noti e cantanti. Il punto migliore per osservarlo è entrando dalla Fifth Avenue e seguendo un percorso illuminato da angeli e decorazioni luminose. Da ammirare sicuramente dopo il tramonto, quando la Rockfeller Plaza si anima di mille lucine e la pista di pattinaggio prende vita (noi ci siamo limitati a osservare il grande albero, dato che non siamo provetti pattinatori volevamo evitare la gita al pronto soccorso). Raggiungerlo è molto semplice: a piedi si accede dalla Fifth Avenue all’altezza tra 49th e 50th Street oppure in metropolitana linee B,D,F o M fermata 47-50th Street Rockefeller Center.

Visto che siete nei paraggi, non potete perdervi una passeggiata, anzi una “sfilata” sulla mitica Fifth Avenue, la strada lunga ben 10 km sulla quale si affacciano alcune delle più popolari attrazioni della città, negozi e hotel lussuosi: da Harlem fino al Greenwich Village attraversa il cuore pulsante di Midtown e sotto Natale si aggiudica il titolo di “strada più decorata di New York”. Gli hotel fanno la gara a chi ha l’ingresso più illuminato, le vetrine dei negozi sono addobbate con installazioni che si muovono al ritmo di musica, Babbo Natale ovunque che intonano canti natalizi, lo storico palazzo di Cartier viene rivestito da un gigantesco e scintillante fiocco rosso. E’ qui che nelle vetrine del rinomato centro commerciale Bloomigdales lo spirito del Natale prende vita mentre uno spettacolo di luci e laser a tempo di musica viene proiettato sull’edificio elegante che ospita Saks. Poco distante troviamo Macy’s, pietra miliare dello shopping, le cui vetrine abitate da orsi polari e soldatini di legno attirano grandi e piccini.

A proposito di soldatini di legno … per non farvi mancare una vera full immersion nel clima natalizio non potete perdervi il Radio City Christmas Spectacular, un musical interpretato dalle famose ballerine Rockettes. Lo spettacolo di svolge ogni anno nel maestoso Radio City Music Hall di fronte al Rockfeller Center da novembre ai primi di gennaio e viene riproposto in diversi orari della giornata (attenzione che fa sempre il tutto esaurito!).

Potete comprare i biglietti sul sito ufficiale (partono da € 70 in su) oppure una volta in loco, direttamente al botteghino del Tkts (si trova proprio sotto la famosa scalinata di Times Square) dove si trovano biglietti per musical e spettacoli a prezzi scontati (ma in questo caso dovete essere molto flessibili con gli orari e accontentarvi di quelli rimasti). Lo show è veramente magico e anche se un po’ costoso ne vale veramente la pena anche per chi non è estremanente appassionato di danza e canti natalizi.

Mercatini di Natale a New York

Poteva la Grande Mela privarsi di tale evento natalizio? Assolutamente no! E sebbene l’origine non sia americana, devo dire che New York è stata capace di assimilare e rielaborare a sua immagine questa tradizione e proporla in pieno stile newyorkese. Da appassionata di mercatini natalizi devo ammettere che il confronto con quelli autentici tedeschi, tirolesi e trentini è difficile da gestire ma ho trovato comunque con grande sorpresa una buona offerta di prodotti alimentari, articoli regalo e decorazioni.

Il Mercatino di Bryant Park (all’interno del Winter Village dove c’è anche la pista di pattinaggio con ingresso gratuito) è il più elegante e ordinato: a pochi passi dalla celebre New York Library e sotto lo sguardo protettivo di un gigantesco albero di Natale, ospite un centinaio di piccole casette dove si vendono gioielli, oggetti di artigianato e dipinti ma naturalmente non possono mancare dolci e altre leccornie natalizie.

Si raggiunge a piedi da Times Square (fermata delle linee metro 1, 2, 3, N, Q, R) oppure stazione di Bryant Park (fermata delle linee B, D, F, M).

Il Mercatino di Union Square è quello che si avvicina di più al modello tradizionale, proponendo squisiti prodotti tipici natalizi, idee regalo, souvenir e tanta tanta cioccolata calda fumante! Ma soprattutto è bellissimo assistere alla vendita degli abeti per strada … proprio come nei film!

Non distante dal Madison Square Park si può raggiungere anche con la metropolitana (linee 4, 5, 6, N, Q, R fermata Union Square)

Il Mercatino della Grand Central ha luogo nell’elegante Vanderbilt Hall della stazione ferroviaria (che già da sola merita una visita!). Qui potete ripararvi dalle rigide temperature invernali e togliere finalmente guanti e cappello per godervi una cioccolata calda passeggiando tra le bancarelle di profumi e dolciumi.

Il Mercatino di Columbus Circle si trova all’ angolo di Central Park, dove la Broadway incontra l’ 8th strada. Dopo una passeggiata nel parco innevato o una pattinata sulla pista è d’obbligo un giretto tra banchetti e casette di legno alla ricerca di specialità culinarie e idee regalo. Da non perde un’altra icona natalizia d’eccellenza: il maestoso e super addobbato Hotel Plaza, immortalato in molti film tra cui Mamma ho riperso l’aereo mi sono smarrito a New York.

Dyker Heights

Il quartiere di Dyker Heights si trova a Brooklyn, non lontano dal Ponte di Verrazzano e dagli anni ’80 conserva il primato di “quartiere più decorato di New York”: infatti, subito dopo il Ringraziamento, le famiglie residenti, molte delle quali italo-americane, iniziano una sorta di gara senza premi (ma molto competitiva) addobbando in modo quasi esagerato – e in alcuni casi anche parecchio kitsch – case e giardini.

Ecco quindi che le belle villette vengono illuminate a giorno, Babbo Natale giganti si gonfiano a ritmo di musica natalizia e trenini in legno rincorrono renne e pupazzi di neve nei giardini.

Tra ghirlande, proiettori e soldatini di legno a grandezza naturale sembra di essere a metà tra Disneyland e il set cinematrografico di un cartone animato sul Natale, con tanto di giostrine per cavalli e renne parlanti.

Ci si arriva comodamente da Manhattan con la metro D direzione Brooklyn e ci vogliono circa 40 minuti (fermata 79th Street): dalla stazione della metro percorrete la 79th fino a incrociare la 13Avenue (quindi incrocierete prima la 16th Avenue, poi la 15th e poi la 14th). All’ incrocio girate a sinistra lungo la 13th fino ad incrociare la 83rd street …

 

Chiaramente l’ora migliore per fare una passeggiata immersi degli addobbi è quella del tramonto, quando le lucine scintillanti cominciano a delinaere i contorni di case e finestre.

Esistono anche visite guidate e tour organizzati in bus che partono da Manhattan: per trovare il tour perfetto per te clicca qui.

Altre attività da fare a New York nel periodo natalizio

La crociera al tramonto

Dopo tanto shopping nei vari mercatini sarete sicuramente esausti … perché allora non approfittare di una crociera notturna? Avrete la possibilità di godervi lo scintillante skyline della City, comodamente seduti al calduccio sulla vostra poltroncina di velluto, magari con un drink in mano e – perché no – con della buona musica jazz in sottofondo. Le crociere durano da 1,5h a 2h e devono essere prenotate in anticipo (controllate se nel vostro pass sono incluse!).

Qui trovate un’idea per una bella crociera in pieno stile natalizio anni ’20.

Pattinare a New York

Alzi la mano chi nella vita non ha visto almeno 10 film in cui ci sia una scena girata su una pista si pattinaggio a New York! A Manhattan volteggiare sul ghiaccio (o almeno provarci) è quasi un obbligo morale per ogni cittadino e i turisti non si tirano di certo indietro. Le tariffe di ingresso e noleggio non sono proprio economiche ma se proprio non volete rinunciare ricordatevi di fare una buona assicurazione contro gli infortuni prima di partire!

The Rink al Rockfeller Center

E’ sicuramente la pista più conosciuta e forse la più scenografica, proprio ai piedi del grande albero di Natale. In realtà dal vivo la pista è piuttosto piccola e molto molto affollata. L’ingresso costa dai $25 ai $33 dollari a seconda del periodo, escluso il noleggio dei pattini ($13).

Winter Village a Bryant Park

Situata all’interno del mercatino di Natale, questa è l’unica pista con ingresso gratuito e non c’è obbligo di noleggio se avete la vostra attrezzatura personale. All’interno del villaggio natalizio vengono organizzati anche spettacoli ed eventi ed è quindi il luogo ideale per passare una bella serata anche per chi non sa pattinare.