CON IL TRENO A VAPORE AL RABADAN DI BELLINZONA

Ci sono due cose che mi incuriosiscono particolarmente: i treni d’epoca e il Carnevale. Se le mettiamo insieme ne esce una splendida giornata passata al Carnevale di Bellinzona, in Ticino.

Ma andiamo per ordine.

27749863_10157110631664829_7939039270138097797_n

Esiste un’associazione che si chiama Verbano Express e che ha lo scopo di reperire, restaurare e “rimettere in moto” i veicoli ferroviari che in passato hanno prestato servizio lungo le ferrovie del Lago Maggiore.

Grazie a questa associazione – che gestisce anche un piccolo ma grazioso museo all’interno della stazione di Luino – è possibile oggi partecipare più’ volte all’anno a varie manifestazioni raggiungibili a bordo del treno a vapore.

La locomotiva tedesca del 1941 è alimentata a carbone ed è sicuramente una grande attrattiva per grandi e piccini e il suo sbuffo nero ne caratterizza il passaggio.

28055722_10157110631449829_4548439438165045630_n

Una volta a bordo – diretti alle cascate di Sciaffusa o ai mercatini di Natale di Zurigo – sembrerà’ di aver fatto un tuffo nel passato: i passaggi scoperti tra una carrozza e l’altra e i morbidi sedili in velluto vi daranno la possibilità di godere del bellissimo paesaggio italo-svizzero.

Infatti il celebre Carnevale di Bellinzona è solo uno dei tanti eventi raggiungibili con il treno storico. Trovate maggiori informazioni e il programma dettagliato sul sito http://www.verbanoexpress.it/.

Dopo circa un’ora dalla partenza – e aver costeggiato la sponda orientale del Lago Maggiore – arriviamo finalmente a Bellinzona, capitale del Canton Ticino, anche famosa per i suoi bellissimi castelli.

27750634_10157110633519829_7043852119700648085_n

Il Carnevale qui è quasi un’istituzione: le scuole chiudono e dopo un anno di preparativi i cittadini si danno alla pazza gioia con sfilate, balli e feste. Rabadan (cosi’ è chiamata la manifestazione che ha radici nell’Ottocento) significa infatti caos: l’origine risale al tempo delle Crociate, quando i Piemontesi, recandosi nei paesi arabi, appresero che i Mussulmani, nel periodo del Ramadan, di giorno digiunavano e pregavano, ma di notte si abbandonavano a canti, feste e baccanali. Essi, considerando di quel giorno solo la parte serale, chiamarono Rabadan (da Ramadan) il baccano, la baldoria.

Per una settimana ” la città del Carnevale” si trasforma in un luogo vivace e coloratissimo che ospita di giorno e di notte dj set, feste a tema, concerti ed eventi di vario genere. Solo una la regola: divertirsi, possibilmente indossando un buffo e insolito costume. I prezzi d’ingresso vanno da CHF 10 per il corteo in maschera, a CHF 30 per il giornaliero, fino a CHF 60 per l’abbonamento settimanale.

Durante la sfilata si susseguono a ritmo di musica folkloristica bande musicali, carri allegorici e gruppi danzanti (ne ho contati ben 50!) che coinvolgono il pubblico in balli e canti.

27858052_10157110631944829_161657280530095910_n

Quando il corteo termina la sua sfilata iniziano le premiazioni che daranno poi il via alle danze.

Ma per noi si è fatto tardi. Il sole sta tramontando e una locomotiva a vapore ci riporta lentamente a casa: dai finestrini ammiriamo le montagne innevate che fanno da cornice, il lago si tinge di arancione e un vecchio battello naviga stanco sulle sue acque.

Per info http://www.rabadan.ch/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...